Filosofia e nuovi sentieri

«Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona» Denis Diderot

La battaglia come esperienza interiore. Un classico di Jünger riproposto da PianoB

1 Commento

> di Paolo Calabrò

«È stata la guerra a fare degli uomini, e di questo tempo, ciò che sono. Una schiatta come la nostra non aveva mai calcato l’arena del pianeta per assumere il controllo della propria epoca. […] Non possiamo negare, come alcuni vorrebbero, che la guerra, madre di tutte le cose, lo sia anche di noi». La guerra madre dell’uomo: solo lei – non certo le mollezze della routine borghese cui la città è assuefatta – può “forgiarlo, scalpellarlo e indurirlo”. Per l’uomo la battaglia è occasione di vita almeno quanto lo è di morte; occasione unica di scoprire e mettere alla prova la profondità del proprio essere, a cominciare dalla robustezza della volontà. Vuoi conoscere la verità su te stesso? Dovresti proiettarti nel bel mezzo di un combattimento. La guerra non ti cambia solo fuori, ma principalmente dentro. La battaglia è prima di tutto un’esperienza interiore…

Jünger filosofo della guerra, o piuttosto fautore della guerra come filosofia, critica sociale, maestra di vita (e non nel senso banalmente militaresco, bensì come sorgente di una consapevolezza pratica, nel senso aristotelico). Non è l’esaltazione del conflitto, né la celebrazione della morte e nemmeno ancora il tetro piacere della distruzione a interessare il pensatore: quanto piuttosto la salutare (e necessaria, ancorché costosa) scossa dal torpore dell’abitudine – tanto al buono quanto al marcio – a una vita sociale ipocrita e viziata come l’aria cattiva. Gli operatori di pace di cui parla il Vangelo troveranno qui ben più di un motivo per storcere il naso (e giustamente); ma accantonare per questo la riflessione di Jünger sarebbe un fraintendimento grossolano; banalizzarla, un errore imperdonabile. Jünger è stato un grande intellettuale del Novecento; più ancora che la sua opera – dai contenuti controversi e disallineati – è la libertà che ne trasuda a rimanere come esempio. Chi vuole fare filosofia oggi provi a leggere La battaglia come esperienza interiore. Non potrà fargli nient’altro che bene.


E. Jünger, La battaglia come esperienza interiore, ed. PianoB, 2014, pp. 160, euro 13.

Annunci

Autore: Paolo Calabrò

Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Collaboro con il settimanale «Il Caffè» di Caserta con le riviste online «Pagina3», «AgoraVox.it» e «Mangialibri». Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri». Ho pubblicato: C'è un sole che si muore (ed. Il Prato, Padova 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama; L'intransigenza. I gialli del Dio perverso (ed. Il Prato, Padova 2015), romanzo noir ispirato alla teologia di Maurice Bellet; La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (ed. Il Prato, Padova 2014) e Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (ed. Diabasis, Reggio Emilia 2011), oltre a diversi saggi sul pensiero di Raimon Panikkar, di cui l'ultimo è «Lo scandalo dell'unicità e le sue conseguenze. La proposta ontologica di Raimon Panikkar» ("Conjectura: filosofia e educação, rivista di lingua anglo-italo-portoghese, aprile 2014).

One thought on “La battaglia come esperienza interiore. Un classico di Jünger riproposto da PianoB

  1. Farei sommessamente presente che si esce dal torpore dell’abitudine anche scalando il K 2, scendendo una cascata all’interno della botte o lanciandosi dal treno. Non occorre far fuori nessuno. Il presente commento del libro mi sembra l’invocazione di Papini al “lavacro di sangue” della prima guerra mondiale. Non c’è bramosia di guerra ma piuttosto, come per “La sottile linea rossa”, una ricerca della grazia che ci sollevi sopra la barbarie in cui la vita ci sprofonda. Trascrivo una presentazione dello stesso libro:
    ” In questo saggio breve scritto immediatamente dopo la fine delle ostilità e la sconfitta dell’Impero tedesco — l’unico lavoro rimasto inedito in Italia dello scrittore tedesco — Jünger analizza con una prosa ispirata e toccante l’esperienza e le conseguenze materiali e spirituali del disastro della Prima guerra mondiale, tema che segnerà in modo indelebile la produzione letteraria e filosofica dello scrittore e filosofo tedesco. Ne La battaglia come esperienza interiore Jünger riporta l’esperienza terribile della guerra di trincea, luogo dove rivivono gli istinti e le stesse pulsioni ferine che hanno dominato i nostri avi – la stessa volontà di sopraffare e di conquistare. Il vero uomo e il vero soldato è però capace di comprenderle e di dominarle, arricchendo l’esperienza con il senso dell’onore e del rispetto per il nemico. L’artista, lo scrittore, il genio di Jünger è anche capace, oltre a tutto questo, di trasformare tali sensazioni ed esperienze in pura epica, permettendoci di comprendere l’orrore nelle sue molteplici sfaccettature. “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...