Filosofia e nuovi sentieri

«Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona» Denis Diderot

Jean Grondin e la filosofia della religione. Un’introduzione a mo’ di provocazione

Lascia un commento

> di Stefano Santasilia

1

La filosofia della religione si presenta estremamente problematica nella sua stessa definizione (nel panorama italiano l’odierno dibattito relativo alla nuova denominazione “filosofia delle religioni” da preferire, o meno, a quella finora in uso mostra quanto l’individuazione dello statuto di tale disciplina continui ad essere di difficile risoluzione). Il testo di Jean Grondin, noto studioso di ermeneutica, cerca di individuare il nesso ineludibile che giustificherebbe l’esistenza di quest’ambito di ricerca senza ridurlo a mero “angolo di studi dedicati all’argomento”. Secondo Grondin la filosofia della religione non è solo un’analisi filosofica del “fatto” religioso (il che implicherebbe una previa scelta di campo metodologica) bensì un interrogarsi sulla comune radice condivisa da religione e filosofia.

È proprio questo il punto chiave dell’agile testo di Grondin: la filosofia nasce dalla stessa fonte della religione, la domanda relativa all’enigma della vita. La religione, infatti, è sempre orientata a dare una risposta a tale enigma; alla filosofia spetta il compito di prendere in considerazione tale risposta per vagliarne le ragioni o finanche l’irragionevolezza. Non si tratta di vagliare la razionalità della proposta (anche ciò comporterebbe lo schierarsi a favore di un modello di ragione) bensì le sue ragioni, il modo in cui, a partire dall’enigma della vita, la religione modella una risposta più o meno soddisfacente. Seguendo da tali punti nodali, Grondin prende in considerazione quelle che reputa essere le “risposte storiche” più interessanti, trattando così di autori appartenenti alla tradizione greca, latina, medievale e moderna (ultimo autore trattato risulta essere Heidegger). La convinzione che muove la ricerca di Grondin è quella che la filosofia abbia un debito nei confronti della religione, un debito che risale al problema dell’esistenza, alla ricerca di una sapienza che permetta all’uomo di conoscere ciò che è, se non eterno, permanente nel suo stesso esistere nel tempo. La riflessione di Grondin è affascinante e, nonostante la provocazione messa in atto da questa sua acuta interpretazione, mostra come, effettivamente, nel lemma “filosofia della religione”, l’oscillare tra genitivo soggettivo e genitivo oggettivo apra orizzonti interpretativi capaci di mostrare il valore della dimensione religiosa in tutta la sua portata “umanizzante”.


M. Gabriel, Introduzione alla filosofia della religione, ed. Queriniana, 2011, pp. 164, euro 15,50.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...