Filosofia e nuovi sentieri

«Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona» Denis Diderot

Fede Ermeneutica Parola. Il nuovo volume Jaca Book dell’Opera Omnia di Raimon Panikkar

Lascia un commento

> di Paolo Calabrò

panikkar

Per parlare di Fede Ermeneutica Parola, volume IX tomo 2 dell’Opera Omnia di Raimon Panikkar – filosofo catalano scomparso nel 2010 – si potrebbero adottare tanti punti di vista. Ma forse la cosa più stimolante è cominciare dalla domanda: “Esiste in Panikkar una filosofia del linguaggio?” La risposta è affermativa e affonda le radici in due libri pubblicati in vita: Mito fede ed ermeneutica e Lo spirito della parola, qui ripubblicati parzialmente insieme a diversi contributi anche inediti in italiano.

Il punto di partenza è che la lingua è inseparabile dalla cultura e dalla vita dell’uomo; per Panikkar «la parola crea la cultura» e «la lingua è lo specchio di come il popolo che la parla, in un dato luogo e in un certo tempo, sente, vede e vive il mondo». Delle parole è intessuta la trama di ogni cultura umana, la quale dipende dal significato che loro si dà; la cultura a sua volta fa da sfondo ad ogni comprensione del mondo da parte dell’uomo, ad ogni relazione tra questi due poli della realtà. Distorcere o, peggio ancora, manipolare il senso delle parole può avere ripercussioni di enorme portata sulla cultura e sulla vita degli uomini: è più facile aderire alla mafia se l’omertà è vista come una questione d’onore, o alla massoneria, se il favoritismo viene presentato come un modo di esercitare la “fratellanza al di là d’ogni casta e ceto”; così è più facile far guerra sul territorio altrui, se l’invasione la si chiama “operazione di polizia internazionale”, ed è più facile odiare ed uccidere il prossimo se invece che nemico o partigiano è “barbaro” o “terrorista”. Da qui fino alle conseguenze estreme: se è vero, come Panikkar ha sempre sostenuto, che «il pensiero modifica il pensato», medesimo ruolo ha la parola, che contribuisce a forgiare la realtà non meno dell’azione (cfr. al riguardo l’interessante studio di G. Deutscher, dall’illuminante titolo La lingua colora il mondo. Come le parole deformano la realtà). Per tornare al tema del libro, la parola si pone come termine medio tra la fede – eminentemente inesprimibile e sorgente di ogni esperienza, ancor prima che d’ogni conoscenza – e l’ermeneutica – veicolo della comprensione e dello scambio fra i popoli. “Tripode filosofico” sul quale il pensatore ha innalzato il monumento della sua speculazione: il dialogo interculturale e interreligioso…

Gran bel lavoro questo dell’Opera Omnia di Raimon Panikkar, eccellentemente curata da Milena Carrara Pavan. Pregio ulteriore – ove mai ve ne fosse bisogno, in un’opera di tanto prestigio – è l’orizzonte tematico dei volumi pubblicati (secondo la struttura voluta in vita dall’Autore), che permette di “tagliare e cucire” parti in precedenza date alle stampe separatamente, ottenendo un nuovo e più incisivo effetto d’insieme. Nel presente volume sono presenti testi tradotti dall’inglese (a cura di Milena Carrara Pavan, talvolta insieme a Jiso Forzani), dal tedesco (da Lucia Nuzzi e Paulo Barone), dal francese (Milena Carrara Pavan). Da non perdere.


R. Panikkar, Fede Ermeneutica Parola. Mistero ed ermeneutica, ed. Jaca Book, 2016. A cura di Milena Carrara Pavan.

Annunci

Autore: Paolo Calabrò

Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Collaboro con il settimanale «Il Caffè» di Caserta con le riviste online «Pagina3», «AgoraVox.it» e «Mangialibri». Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri». Ho pubblicato: C'è un sole che si muore (ed. Il Prato, Padova 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama; L'intransigenza. I gialli del Dio perverso (ed. Il Prato, Padova 2015), romanzo noir ispirato alla teologia di Maurice Bellet; La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (ed. Il Prato, Padova 2014) e Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (ed. Diabasis, Reggio Emilia 2011), oltre a diversi saggi sul pensiero di Raimon Panikkar, di cui l'ultimo è «Lo scandalo dell'unicità e le sue conseguenze. La proposta ontologica di Raimon Panikkar» ("Conjectura: filosofia e educação, rivista di lingua anglo-italo-portoghese, aprile 2014).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...